— LAMPADE DA TAVOLO

Archivio
Lampade da tavolo design

perenz_4394_tavolo_moderno

L’illuminazione è una delle cose che viene presa poco in considerazione da chi sta arredando la propria casa, proprio così perché in genere si pensa che qualsiasi corpo illuminante vada bene perché il risultato ottenuto è sempre lo stesso. In realtà ci sono attività che richiedono un tipo di illuminazione particolare per cui non basta la luce fornita da applique, faretti o lampadari, ma serve una lampada da tavolo che illumini in maniera diretta.

Quando si sceglie una lampada da tavoload esempio per la lettura, è importante farlo non solo in base alla qualità e alla bellezza estetica, ma anche pensando alla propria comodità perché deve permettere di leggere anche per ore senza doversi affaticare e soprattutto senza stancare gli occhi. La lampada da tavolo ideale e perfetta deve avere delle caratteristiche, vediamone alcune. Il paralume deve essere completamente puntato sul libro o sul giornale in modo da avere una visione chiara di ciò che abbiamo davanti oppure, fornita di un paralume orientabile, così da poterlo sistemare in base alla posizione che più ci fa comodo. Se si vuole acquistare il massimo, quella perfetta ha il braccio mobile che in genere illumina tutta la superficie, in maniera equa senza creare punti di ombra e punti maggiormente illuminati che potrebbero dare fastidio durante la lettura. Ciò che invece è fondamentale è che la lampada sia schermata e la lampadina abbastanza nascosta perché non deve essere facilmente visibile altrimenti si potrebbe rimanere abbagliati.

In tutto ciò è importante aggiungere che qualsiasi lampada da tavolo oltre che rispondere bene a tutte le esigenze è bella da vedere ed arreda in maniera completa la stanza in cui viene sistemata. Siamo pronti a dare il benvenuto alla lampada da tavolo che a breve riuscirà ad entrare in pianta stabile in tutte le abitazioni.

Continua a leggere...

Quali sono le regole da seguire quando si scelgono delle applique per gli interni di una casa?

light-926719_960_720

Sicuramente è sempre molto più facile scegliere delle applique per gli esterni, per cui si deve badare giusto agli elementi architettonici, agli altri complementi per l’illuminazione compresenti – come possono essere dei faretti a incasso – e all’eventuale arredamento per esterni. Per le applique da interni è decisamente un altro paio di maniche, sebbene non bisogna trascurare i parametri che sarebbero presi in considerazione per gli esterni, tanto per cominciare.

Per le applique da interni, la scelta dello stile e del modello deve ricalcare l’arredamento e l’illuminazione già presente e tenere conto degli elementi architettonici. E non bisogna scordare la funzione che le applique andranno ad assumere in casa. In altre parole, le applique che andranno a illuminare un corridoio non possono essere le stesse applique che andranno a illuminare una grande scalinata.

Non si deve neppure esagerare con le applique. Molti le scelgono come complementi per l’illuminazione esclusivi, ma in realtà le applique possono coesistere con lampadari, lampade da terra, lampade da tavolo, faretti e chi più ne ha più ne metta. Certo, le applique sono più comode, ma la comodità deve coesistere con funzionalità ed estetica, perché la nostra casa sia fruibile appieno, giorno dopo giorno.

Continua a leggere...

Le lampade da tavolo possono essere suddivise in differenti tipologie, secondo la funzione e la loro estetica.

tyer84-vivida-yoyo-rosa

Esistono per esempio le lampade da tavolo multitasking, ossia quelle che, oltre a illuminare, possono avere altre funzioni, come ad esempio la capacità di ricaricare device tecnologici via USB. Analogamente, ci sono delle lampade ipertecnologiche che si accendono, si spengono e si regolano anche e soprattutto attraverso un’app del proprio smartphone.

Poi ci sono le lampade da lavoro: sono solitamente dei modelli talmente usati, da essere quasi degli stereotipi. Come le lampade che usano gli architetti per il loro tavolo da lavoro, o quelle classiche delle biblioteche statunitensi che si possono vedere in qualunque film o telefilm.

Un’altra suddivisione all’interno delle lampade da tavolo può essere connessa alla presenza o meno del paralume: una lampada di design può presentare indifferentemente il paralume o meno, tanto comunque è tutto calibrato alla potenza della lampadina che sarà utilizzata.

Infine, esistono quelle lampade da tavolo estrose, che non servono a illuminare tout court, ma a dare un certo effetto alla stanza. Fanno parte di questa categoria, ad esempio, le lava lamp o le lampade per bambini che mandano dei giochi di luci e ombre sul muro, magari raccontando una vera e propria storia.

Continua a leggere...

La lampada da tavolo per il comodino è un complemento per l’illuminazione la cui comodità non è mai da sottovalutare.

olux_illuminazione_lampada_moderna_sfera_vetro_bianco15

Non avete ancora scelto una lampada da tavolo per il vostro comodino? È comprensibile, talvolta, la voglia di rompere le convenzione per quanto riguarda l’arredamento e l’illuminazione. Ma le lampade da tavolo sul comodino hanno una funzione pratica ben precisa e quindi non devono essere prese sotto gamba. Quindi la prima esigenza che una lampada per il comodino deve soddisfare è appunto la funzionalità.

Dal punto di vista dello stile, la lampada che si va a scegliere per il comodino deve sposarsi con il resto dell’arredamento presente nella stanza, anche dal punto di vista cromatico. Ma non è un obbligo: soprattutto nelle camere da letto dei più giovani può essere perfetta una lampada da tavolo divertente ed estrosa, che nulla abbia a che fare con lo stile complessivo della camera.

In alternativa alle lampade da tavolo per il comodino, ci sono persone che prediligono le applique. Le applique vanno istallate alla stessa altezza che avrebbero le lampade da tavolo e seguono comunque le regole di stile e cromatiche fin qui delineate. È sempre bene ricorrere all’illuminazione a led per le lampade da comodino, non solo per una questione di risparmio energetico, ma anche per vederci in maniera più rilassante.

Continua a leggere...

lampada-comodino-castore-artemide La lampada da tavolo è un complemento d’arredo di fondamentale importanza: la sua presenza, infatti, ci permette di dare maggiore luce alla stanza (come accade con le altre lampade d’altronde), con l’aggiunta che questo particolare oggetto ci dà la possibilità di illuminare meglio le zone della casa vicine a comodini o tavolini. E, in questo modo, svolgere tutte le attività che dobbiamo svolgere vicino a questi mobili, diventeranno ancora più semplici (ma, soprattutto, visibili!)

In commercio esistono diverse tipologie di lampade da tavolo, ognuna caratterizzata da un suo design che la differenzia da tutte le altre e che le permette di essere facilmente inserita all’interno dei più disparati stili di arredamento.

La particolare variante che andiamo a scoprire oggi riguarda la lampada da comodino Castore firmata Artemide, dalle linee particolari e sinuose. Perfetta per dare alla vostra camera da letto quel tocco di stile e di eleganza che non guasta mai.

La lampada da comodino Castore si caratterizza per il suo disegno molto originale: si tratta di un diffusore a forma di palla che viene eretto da un supporto lungo e stretto, simile allo stelo di un fiore, che finisce in una base tonda abbastanza ampia, che permette la perfetta stabilità della lampada da tavolo.

Castore è una lampada da comodino che è perfetta per essere inserita all’interno di un appartamento arredato in stile moderno e contemporaneo, ma bellissima anche dentro una casa arredata con moltissimi oggetti di design o con del mobilio all’insegna della multicromia.

Questa particolare lampada da tavolo ha un design che riporta con la mente alle linee degli anni Cinquanta ma che non vuole in alcun modo trascurare la modernità, aggiungendo un tocco che ci fa immaginare quello che potrebbe essere lo stile del futuro.

 

 

 

Continua a leggere...

La cucina – tinello è una stanza con due funzioni, per questo le regole dell’illuminazione sono ben differenti da quelle stanze in cui la funzione è una e una sola.

12038098_795403333948257_506268576780817101_n

Così, quando si decide di istallare l’illuminazione adatta per una cucina – tinello si deve tenere conto di una serie di questioni. La prima, come al solito, è la funzionalità: cosa si andrà a fare in questa stanza? Si cucinerà? Ci si rilasserà? Si leggerà? Ognuna di queste domande cela una risposta che è un input per l’illuminazione: in altre parole, la luce che serve è centrale o diffusa, intensa o soffusa.

Il secondo punto da esaminare è ovviamente l’estetica dell’illuminazione, che deve sposare appieno lo stile dell’arredamento scelto, dopo aver deciso se lo si vuole classico o moderno e come, nel dettaglio. Naturalmente i complementi per l’illuminazione si può decidere se sceglierli coerentemente con lo stile adottato, oppure qualcuno può essere più eccentrico, come una lampada da tavolo o una lampada da terra che attiri l’attenzione.

Terzo: individuare i punti luce. Qualunque architettura ha delle peculiarità e quindi è necessario scegliere dove piazzare l’illuminazione perché sia al tempo stesso efficace e suggestiva. Soprattutto se la stanza in questione presenta nicchie e rientranze che vanno valorizzate al meglio.

Continua a leggere...

Quando si vuole dare un tocco di originalità alla propria casa, la risposta è sempre nel design.

next_DNA_tavolo_cromo_tavolo_1

Basta poco per attribuire un carattere particolare alla propria casa, magari solo una lampada da tavolo di design. Per esempio, uno dei modelli più interessanti del momento è DNA di Next. Si tratta di una lampada da tavolo molto moderna, che assume quasi l’aspetto di una pianta o di un alberello. È particolarmente indicata per i comodini, perché la luce che emana è tanta, o per una scrivania che viene usata molto spesso.

Questa lampada da tavolo monta un minimo di tre lampadine, ma ognuno può scegliere la versione differente che più aggrada. In altre parole, questa lampada è componibile, perché si possono aggiungere dei pezzi, per farla diventare una lampada dalla struttura complessa ma molto, molto particolare. La scelta può dipendere non solo da una questione estetica, ma anche e soprattutto da una questione di utilità e funzionalità.

Questa lampada è realizzata in Abs ed è disponibile in due colori, bianco e cromo (in foto c’è il modello color cromo) ed è adatta solo per gli interni, non per gli esterni. L’ideale è inserirla in una casa dallo stile molto moderno e dalle linee pulite, ma può stare bene anche con alcuni stili di arredamento classico.

Continua a leggere...

Il design è da sempre sinonimo di eleganza, come nella lampada da tavolo Rigo.

lampadeitaliane-lampadadatavolo-rigo-marrone-lt1013-40_12

La lampada che andiamo a presentare oggi è davvero speciale per due ragioni: la prima inerisce il materiale da cui è composta, la seconda l’idea stessa del concept della lampada, un concept comune a tutti i complementi d’arredamento che scegliamo e di cui parliamo.

La lampada da tavolo Rigo di Lampade Italiane è infatti una lampada in vetro soffiato inciso nei colori marrone e rosso. Il vetro soffiato, per chi non lo sapesse, rappresenta una delle grandi eccellenze della tradizione artigianale italiana. È un materiale molto delicato e soprattutto che richiede una particolare “ricetta” che proviene appunto dalla tradizione, per essere realizzato.

Il concept alla base di questa lampada ha a che vedere con il design più raffinato. Un po’ retrò senza essere troppo postmoderna o kitsch, è una lampada dedicata a chi ha abbracciato un arredamento moderno, in particolare attraverso mobili scuri, magari in legno di mogano o di ciliegio.

È l’ideale anche per gli studi professionali: basta immaginare l’ingresso nell’ufficio di un medico, di un avvocato, di un commercialista, una lampada del genere sulla scrivania rende più armonico l’intero ambiente. Possibili utilizzi si trovano in ambienti all’aperto come verande e balconi, per creare un interessante angolo lettura in vista della bella stagione.

Continua a leggere...

Le lampade da tavolo paiono non essere un complemento per l’illuminazione adatto a una cucina. Ma non è proprio così.

lampade da tavolo

L’immagine che vedete rappresenta una delle ultime tendenze in fatto di arredamento e illuminazione. Tra le tante caratteristiche della stanza ritratta – che è una cucina – c’è la presenza di alcune lampade da tavolo su un ripiano.

Si tratta di lampade da tavolo di design, che sono state studiate e scelte anche per accompagnarsi con gli altri complementi per l’illuminazione come il lampadario e le applique, per non parlare di altri accessori, come i candelieri.

Quest’immagine serve infatti a sfatare un falso mito: anche in cucina possono trovare la loro collocazione delle lampade da tavolo. Certo, il tutto non appare molto funzionale in una cucina molto piccola, ma in un ampio spazio chiaramente la prospettiva cambia.

Le lampade da tavolo, in quest’ottica, possono assumere anche un valore funzionale: in cucina si prepara da mangiare e allora che c’è di meglio di una lampada da tavolo per leggere i libri di blasonati chef o semplicemente il ricettario della nonna?

Sullo stesso ripiano delle lampade da tavolo sono stati posti soprammobili, un vaso da fiori e porcellane, per rimarcare appunto che quel ripiano non serve per cucinare, per cui può anche avere uno scopo meramente decorativo.

Continua a leggere...

Il disturbo affettivo stagionale è quella depressione che colpisce in alcuni periodi dell’anno, ma ora una lampada da tavolo di design aiuterà chi soffre di questo disturbo.

sad-lam_660

Sappiamo che il colore aiuta a curare stati d’animo negativi. Anche la musica può farlo. E anche la luce. Ma finora la luce non era stata mai impiegata su ampia scala in questo senso. Invece la lampada Lux creata dal designer 22enne Steve Swanton potrebbe portare nelle case di chi soffre di questo disturbo un aiuto concreto.

Si tratta di una lampada da tavolo realizzata a mano, dal design divertente e accattivante, tanto che si adatta a tutti gli stili e a tutte le età. La lampada è fatta in legno di faggio, metallo e cemento e si ispira al design scandinavo.

La cosa interessante è che alla base della lampada esistono delle luci al led che si connettono a una rete di altri utenti che, in tempo reale, stanno utilizzando la lampada. Le lucine al led si accendono e si spengono durante il giorno a testimoniare che in effetti ci siano altre persone che stanno utilizzando la lampada da tavolo nel resto del mondo. Questo serve a dare l’idea che non si è soli con il proprio disturbo e che la terapia non è esclusivamente una cosa solitaria ma accomuna tante persone.

La creazione della lampada contro il disturbo affettivo stagionale è relativamente recente: Swanton l’ha realizzata all’ultimo anno di università e l’ha mostrata per la prima volta alla mostra New Designer 2014 che si è tenuta lo scorso luglio.

Fonte: Designweek.

Continua a leggere...